Ambiente e Verde Urbano - Lista Zattini

Zattini Sindaco
Forlì Cambia
Menu
Scarica il nostro Programma
Lista Civica Zattini Sindaco
Vai ai contenuti

Ambiente e Verde Urbano

Il Programma
Ambiente
 
Pensare globale e agire locale.

 
I cambiamenti climatici e le conseguenze globali dell’azione dell’uomo, con particolare riferimento allo sfruttamento delle risorse e all’utilizzo dei carburanti fossili hanno conseguenze devastanti e durature sulla vita del pianeta.
 

Una visione razionale e basata sui dati oggettivi di tali cambiamenti epocali deve spingere tutti ad agire sul governo della città adottando una visione di sviluppo sostenibile.
 
Proposte
 
·        Agire con tutti gli strumenti politici, amministrativi, legali ed economici per controllare e ridurre le emissioni degli inceneritori, nella prospettiva di una progressiva riduzione del loro utilizzo.
 
·        Attuazione di un sistema di riduzione della produzione di rifiuti attraverso l’implementazione e la razionalizzazione del sistema di raccolta porta a porta, con una vera attenzione alle necessità dei cittadini ascoltandone le esigenze.
 
·        Sviluppare tutte le potenzialità dell’economia circolare per la trasformazione delle frazioni di rifiuti provenienti dalla raccolta porta a porta, favorendo lo sviluppo di nuove imprese sul territorio comunale.
 
·        Sviluppo di nuove imprese e iniziative di sostegno per le attività che si occupano di riutilizzare beni e prodotti usati. A Forlì è presente una delle maggiori attività a livello regionale che riutilizza beni e prodotti usati, con effetti benefici di tipo sociale ed ambientale di rilevanza territoriale. Questa attività sarà sostenuta in modo che possa incrementare tutte le sue valenze e potenzialità, nell’ottica della sussidiarietà.
 
·        Attuazione d’incentivi all’acquisto e all’utilizzo di autoveicoli a basso impatto ambientale per gli spostamenti nell’area urbana: auto elettriche di piccole dimensioni e di prezzo contenuto, biciclette elettriche.
 
·        Attuazione di politiche della mobilità e della sosta che riducano l’inquinamento dovuto all’impiego di autoveicoli e misure per disincentivare l’utilizzo di quelli più inquinanti e con tecnologie obsolete.
 
·        Aumento delle zone con limite di velocità a 30 km orari nelle aree densamente popolate e con strade a sezione limitata allo scopo di ridurre l’inquinamento e di ridurre il rischio d’incidenti stradali.
 
Verde Urbano
 
La città di Forlì è stata una delle prime città italiane a dotarsi, nel 2014, di un Piano del Verde, secondo quanto previsto dall’allora recentissima legge 10/2013 recante Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani.

 
A tale precoce sviluppo della pianificazione non ha fatto seguito la fase attuativa, perciò tale Piano resto quasi completamente lettera morta.
 

Le linee generali e gran parte delle previsioni specifiche di quel piano sono tuttora attuali ed i necessari aggiornamenti possono anche essere applicati nella fase attuativa senza ulteriore revisione, come l’attuale Giunta ha ritenuto di fare, senza poi approvare il Piano nella sua versione revisionata.

 
 
Proposte
 
·        Diversificare la gestione del verde urbano sulla base delle caratteristiche intrinseche delle aree verdi, delle loro funzioni e della loro fruizione:
 
o    Le aree verdi caratterizzate da un’elevata accesso, in contesti densamente abitati e dotate già ora di arredi impianti e attrezzature adatte a tale scopo, saranno gestite con una intensità manutentiva mediamente superiore a quella attuale, in modo renderle il più possibile adatte alle varie categorie di cittadini,  nelle diverse stagioni dell’anno.
 
o   Le aree verdi che, al contrario, per le loro caratteristiche intrinseche (es. grandi dimensioni, vegetazione ad evoluzione spontanea, contesti urbani poco abitati), saranno destinate ad uno sviluppo naturaliforme, con una netta riduzione dell’intensità manutentiva. Si tratta di aree, fin d’ora, più adatte alle attività sportive all’aria aperta (passeggiate, corsa, contatto con la natura), ma non alla fruizione con bambini, perché saranno totalmente prive di giochi per bambini. Il risparmio economico ottenibile dalla riduzione dell’intensità manutentiva di queste aree, sarà utilizzato principalmente per piantare nuovi alberi.
 
 
·        Piantare nuovi alberi: 5.000 all’anno nei prossimi 5 anni.
 
Le superfici dedicate al verde urbano della città di Forlì hanno già un’estensione significativa sia in rapporto alla pianificazione urbanistica sia rispetto alle necessità di fruizione da parte dei cittadini.
 
Si tratta ora di incrementare, in misura netta, l’effetto ecologico ed ambientale del verde urbano, semplicemente incrementando il numero di alberi presenti. In cinque anni, con un modesto incremento di spesa complessiva, è possibile piantare circa 25.000 nuovi alberi, cioè passare da circa 30.000 alberi attuali, a più di 50.000 alberi, con un incremento superiore ad un terzo.
 
 
·        Integrare la pianificazione del verde in quella urbanistica sulla base della nuova legge di riferimento regionale (L.R. 24/2017), che pone obiettivi molto ambiziosi di riduzione del consumo di suolo e concepisce lo sviluppo della città soprattutto sulla base della rigenerazione urbana: costruire sul costruito. Per fare ciò il ruolo delle aree libere interne all’abitato è fondamentale e il loro destino è principalmente in due direzioni: verde urbano, pubblico o privato, oppure agricoltura urbana, multifunzionale e per la produzione di alimenti a Km zero.
 
Il nuovo Piano Urbanistico Generale (PUG) sarà perciò elaborato da un ufficio di piano in cui saranno presenti le necessarie professionalità per compiere tale integrazione, con professionisti interni ed esterni all’Amministrazione.
 
 
Contattami: mi interessa la tua opinione

Associazione Culturale Ricreativa   Lista Civica Forlì Cambia Zattini Sindaco
Via Giorgio Regnoli 96, 47121 Forlì
music by Scott Holmes
Torna ai contenuti